Cervinara festeggia gli 80 anni di calcio

locaIl Direttivo degli Ultras Audax Cervinara invita tutta la tifoseria Cervinarese e gli appassionati di calcio all’atteso evento organizzato per festeggiare gli 80 anni della gloriosa squadra caudina. I festeggiamenti si apriranno domenica 6 pomeriggio alle 18 e rivedremo le vecchie glorie dell’Audax Cervinara 1935 che hanno vinto in passato, i personaggi del tifo locale e soprattutto la festa darà a tutti la carica per il prossimo campionato di Promozione. “La serata è nata per ricompattare il gruppo e tutti gli amanti del Magico Cervo che da 80 anni difende i colori di un paese che si è sempre unito a sostegno di una compagine blasonata come la nostra. Il nome Audax è tornato giusto quest’anno ed abbiamo colto la palla al balzo per festeggiare. Ci saranno molte sorprese – assicurano i ragazzi del Direttivo UAC – oltre alle video proiezioni e alla mostra del materiale storico dell’Audax. Le nostre indagini storiche hanno aperto anche un’interessante dibattito sulla storia del Cervinara e questa rimpatriata è solo il primo passo per la ricostruzione della storia ufficiale biancoazzurra. Il nome Audax tornò per la prima volta, dopo anni di oblio, poco dopo il terremoto e dopo la fortunata fusione del 1988 è scomparso negli anni 2000 per poi tornare definitivamente oggi, dopo quasi 15 anni di dolorosa assenza. Vogliamo onorare tutti coloro che hanno sudato la maglia e ripercorrere le tappe del tifo organizzato cervinarese – si legge nella nota degli UAC.  In un momento delicato dove il calcio moderno ha preso il sopravvento, quello minore resta l’ultima frontiera di uno sport che aggregava liberamente milioni di giovani, regalando emozioni, piene di passione ed entusiasmo.  L’amore verso il Cervinara si è incarnato sulle gradinate dello Stadio Canada ed in giro per la Campania dilettantistica, non su comode poltrone o dietro una tastiera.  Domenica sarà la giusta occasione per rivivere la storia e guardare al futuro con fiducia.  Bentornato caro Audax, noi vogliamo vincere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*