Cervinara (Moiano), San Martino V.C.. Rotondi: bocciati i progetti cultura. Montesarchio ok.

Solo Montesarchio supera le “ Forche Caudine” del finanziamento del Poc turismo , piazzandosi al 15 posto con il progetto di rilievo nazionale Giorni al Borgo, per un finanziamento di 70 mila. Tutti gli altri progetti caudini, invece, si piazzano in posizioni non finanziabili , almeno per il momento, dalla regione Campania. Diciamo,almeno per il momento, in quanto, secondo ciò che abbiamo appresso, da fonti autorevoli, ci saranno diversi ricorsi, per la non conformità del piano economico di alcuni progetti alla nuova direttiva e, tra questi, ci potrebbe essere proprio Montesarchio. Intanto, però,m questo autunno- inverno non ci saranno le installazioni degli artisti di via Varco a Rotondi che aveva presentato un progetto legato al conservatorio di Benevento, non ci sarà Illumina la notte a San Martino Valle Caudina e non ci sarà una nuova opera a Cervinara, simile a quella della chiave di Milot San Martino si è piazzato al 40esimo posto dei progetti di rilievo nazionale. Nella stessa graduatoria fa parte Rotondi che, però, slitta al 56esimo posto. Cervinara, invece, aveva aderito al progetto La Corona di Caudio che ha come comune capofila Moiano, quindi, si tratta di una graduatoria a parte che mette insieme più comuni e finanzia solo 15 progetti. La corona di Caudio è arrivata al 18esimo posto. Insomma, solo Montesarchio continua in quella tradizione di eventi e luci natalizie che dura da diversi anni. San Martino, con Illumina la Notte, nel 2016 aveva fatto una sorta di salto di qualità. Confermato lo scorso anno, quando, si presentò ed ottenne i relativi finanziamenti insieme ai comuni di Roccabascerana e Rotondi. A sua volta, Rotondi dopo essere stato bocciato nel 2016, l’anno scorso aveva aderito in forma associata. Quest’anno sono andati da soli e sono stati bocciati entrambi. Cervinara, lo scorso anno, aveva partecipato ai progetti di rilievo regionale ed era riuscito, per una seria fortunata di eventi, a realizzare un’opera, la Chiave di Milot, di cui ancora si parla. Quest’anno, invece, ha aderito ad un progetto comune insieme anche a Roccabascerana che non è stato finanziato, Ora si attendono i ricorsi ma la bocciatura brucia davvero molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.