Cervinara. Polemiche sulla movida: occorre una mediazione.

Forse, sarebbe il caso di fermarsi un poco a riflettere, evitare i soliti dissidi da guelfi e ghibellini e tentare di trovare una mediazione. Stiamo parlando della vicenda della movida di via Roma a Cervinara. In nostro servizio, ieri vi abbiamo informato della situazione che si è creata. I residenti, esausti dal fracasso, hanno chiesto, con una serie di esposti alle varie autorità competenti in materia, che venisse rispettata la normativa sul rumore e sulla musica. Un diritto più che legittimo. La richiesta è stata già messa in atto, con la conseguenza che alle 23, durante i giorni feriali, la musica deve cessare. Ripetiamo la richiesta dei residenti non si può non capire,anche perchè, probabilmente, si è anche abusato troppo della loro pazienza. Esiste, però, anche un’altra faccia, non meno complicata, di questa medaglia. Molti genitori di figli poco più che 18enni, ci hanno contattato, esprimendo una grande e forte preoccupazione. Se le cose dovessero restare così, tutti i giovani che frequentano via Roma sino a tardi, si sposterebbero in qualche altro paese della Valle Caudina. Badate bene, la loro preoccupazione non è dovuta ad una questione di economia che pur c’è, loro sono preoccupati per la sicurezza dei loro figli. E’ inutile girarci intorno, il consumo di alcool è molto forte e non solo quello, Trasferirsi in un altro centro della Valle Caudina , può significare, ci auguriamo di no, esporre questi ragazzi a pericoli veri e concreti. Sì è vero, chi guida non dovrebbe bere ma, diciamo la verità, tutti sanno che sono pochi, davvero pochi, quelli che lo fanno. Non bisogna mettere la testa sotto la sabbia e dire, chiaramente, che la presenza dei locali in via Roma, negli ultimi tre anni, è stato un deterrente a tanti incendi stradali anche mortali. Detto questo, assolutamente, non vogliamo tenere in secondo piano il diritto al riposo dei residenti e non solo di quelli di via Roma. Sarebbe auspicabile, però, che le parti si parlassero che tentassero, almeno, di trova una soluzione. E’ una questione di buon senso, il muro contro muro non ha mai fatto bene a nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.