Cervinara. Positivo incontro tra i castanicoltori: si seguirà una strada unica per la lotta al cinipide.

L’unione fa la forza. Se ne sono resi conto i castanicoltori di Cervinara che finalmente hanno compreso che in ordine sparso difficilmente si potrà averla vinta contro il Cinipide Galligeno che sta distruggendo i castagneti. Ieri sera nell’aula consiliare di Cervinara si è avuto un primo incontro con la partecipazione di esperti del settore e si è decisa l’adozione di un protocollo per la gestione dei castagneti. Dalla discussione è venuta fuori la necessità ci contrastare oltre il Cinipide Galligeno del Castagno, anche la diffusione del Gnomoniopsis che arreca danni alle piantagioni in termini di muffe, marciumi e mummificazione dei frutti. Al termine del dibattito si è stabilito che fino al 30 giugno si possono effettuare i trattamenti al Gnomoniopsis con dei fungicidi con esclusione dell’impiego di pesticidi, dal 5 luglio è possibile effettuare i trattamenti con pesticidi ammessi per legge. Inoltre sarà costituita una rete whatshapp tra tutti i produttori in maniera che attraverso le giuste informative e l’apposizione di trappole feronomiche sia possibile determinare il periodo di sfarfallamento del Cinipide e di altri insetti che attaccano il castagno, in maniera tale da darne comunicazione puntuale a tutti gli interessati. Con queste soluzioni si eviteranno trattamenti indiscriminati ed inutili e nel contempo si aumenterà l’efficacia della lotta al Cinpide. Nel corso della riunione è stato visionato un disciplinare per la difesa del castagno adottato nelle zona di Cuneo e che è stato portato a Cervinara da Marchese Francesco, amministratore della Marchese Luigi srl che farà da coordinatore tra tutti i produttori nella lotta al Cinipide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*