Cervinara-San Martino Valle Caudina. Lo Stato batta un colpo: o altri giovani devono essere gambizzati?

Quanto successo ieri sera prima a Cervinara e poi a San Martino Valle Caudina preoccupa non poco. Pensare che ci siano persone che vanno in giro armate a sparare alle gambe delle persone, non fa dormire sonni tranquilli a nessuno. Chiunque potrebbe trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato.E’ successo già in passato e potrebbe ancora succedere. Pensare che a Cervinara venga gambizzato un giovane e con tante forze dell’ordine in giro tra Cervinara e San Martino Valle Caudina, dopo qualche ora possa essere gambizzato un altro giovane, in pieno centro a San Martino Valle Caudina, fa pensare che chi ha agito o coloro che hanno pianificato questi fatti, non hanno paura di niente e di nessuno e tanto meno di carabinieri e polizia. E smettiamola con questo voler sempre minimizzare le cose. Non si tratta di ragazzate, non si tratta di una lite davanti ad un bar finita a schiaffi, qui si sparano le persone alle gambe. Chi ha sparato o coloro che hanno sparato volevano solo lanciare precisi avvertimenti e lo hanno fatto gettando nel terrore due comunità. Ci si attende una risposta forte dallo Stato che finalmente si ricordi che esistono anche Cervinara e San Martino Valle Caudina. A cominciare dal prefetto di Avellino Maria Tirone e per finire al Questore e al comandante Provinciale dei Carabinieri. A Cervinara e a San Martino Valle Caudina si spara, se non ve ne siete accorti ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.