Cervinara. Si attende ora la sentenza del Consiglio di Stato, si parla di una ventina di giorni.

La causa è stata discussa, i giudici hanno acquisito gli atti, hanno ascoltato le parti ed ora si sono riservati di decidere. Davanti alla terza sezione del consiglio di stato, presidente Balucani, si è discusso il procedimento riguardante l’annullamento delle elezioni amministrative del giugno del 2015 a Cervinara. La vicenda è nota, subito dopo lo spoglio, che vide la conferma a sindaco di Filuccio Tangredi, con un largo suffragio, il suo sfidante Vincenzo Iuliano ed alcuni candidati non eletti nella sua lista, presentarono un ricorso al Tar in quanto erano sparite dalla sezione sette e dodici le schede vidimate e non votate. Quasi in contemporanea, su questa vicenda è stata aperta anche un’inchiesta penale che continua a fare il suo corso. Il Tar di Salerno dispose prima il riconteggio delle schede e, si appurò, che queste effettivamente mancavano. Poi si pronunciò, dando, parzialmente, ragione ai ricorrenti e disponendo che lo scorso 31 di luglio, avrebbero dovuto tornare alle urne solo gli elettori delle due sezioni, ossia, sempre la sette e la dodici. Contro questo provvedimento, i ricorrenti, si rivolsero al Consiglio di Stato che annullò le elezioni e fissò la discussione per oggi, ossia, il venti dicembre. Tenendo conto che ci sono le feste natalizie e di fine anno, la sentenza dovrebbe esserci subito dopo questo periodo. E’ inutile azzardare previsioni, in quanto tutte e due le parti in causa sono convinti che il giudizio darà loro ragione. Bisogna solo attendere qualche settimana per capire quale sarà l’orientamento dei giudici di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*