Cervinara: solidarietà a Potito Starace anche da Lello Todino presidente del consiglio comunale.

Il giorno dopo la sentenza, Potito Starace sta ricevendo tantissimi attestati di solidarietà. Tra i primi quelli degli amici del suo paese. Anche il livello istituzionale ha levato gli scudi per difendere il tennista che è stato squalificato per dieci anni dal una nuova sentenza del Tennis Integrity Unit, per una vicenda legata alle scommesse per il torneo Atp di Barcellona del 2011. Questa mattina il presidente del consiglio comunale di Cervinara Lello Todino, a nome dell’amministrazione e suo personale, ha espresso la massima solidarietà all’atleta che tanto ha fatto per il nome del suo paese., portandolo, con onore, in giro per il mondo. Non solo, il presidente Todino, ha tenuto a rimarcare come questa sentenza sia completamente antidemocratica e non tiene conto del fatto che sia la giustizia sportiva che quella ordinaria hanno già giudicato Starace e lo hanno riconosciuto innocente. Insomma, una storia che doveva essere chiusa per sempre, viene riproposta in modo davvero clamoroso. Abbiamo sentito anche noi Starace che si è detto molto, ma molto amareggiato. Lui era certo che quella brutta storia fosse, definitivamente, chiusa ed, invece, tutto sta ricominciando, come una sorte di incubo. Naturalmente, non si arrende. “ Non mi posso arrendere, ci ha detto Potito Starace ancora una volta devo difendere la mia onorabilità di uomo e di sportivo. Devo sottolineare un dato, però, per questo organismo la giustizia sportiva italiana non vale proprio nulla”. Anche nelle amarezze, però, viene fuori il campione che continua a far sognare i ragazzini che si impegnano la racchetta ” Non è finita qua, non può finire qua,ci ha detto. Proporremo appello a questa folle sentenza è chiuderò questa storia una volta per tutte “. Intanto può, certamente, contare sulla solidarietà di tutto il suo paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.