Cervinara. Venerdi e sabato festeggiamenti in onore di San Michele Arcangelo.

Fervono i preparativi per i festeggiamenti in onore di San Michele Arcangelo, in programma il prossimo fine settimana nella Parrocchia di San Nicola Vescovo alla frazione Joffredo Castello di Cervinara. Siamo alla terza edizione di quella che sta diventando una bella tradizione che nasce dall’amore di un gruppo di amici per il territorio. Sul monte Pizzone, infatti, c’è una grotta che da sempre viene denominata dell’Angelo. Probabilmente, nella seconda metà dell’ 800 è stato uno dei tanti rifugi per i briganti che scorrazzavano tra le vette del monte Partenio. Arrivarci non è per nulla semplice e, forse, questo metteva a sicuro chi doveva nascondersi, Questo gruppo di amici è solito avventurasi sino a quel punto, per trascorrere qualche ora lieta. Ma queste persone si sono sempre chieste come mai, una Grotta dell’Angelo che doveva essere intitolata al capitano delle schiere celesti, ossia, San Michele non avesse qualcosa che lo ricordasse. Così hanno provveduto loro e vi hanno portato una statua che prima è stata benedetta. Ma non finisce qui perchè sono diventati devoti a San Michele e, grazie alla collaborazione di don Giovanni Panichella, da tre anni, organizzano una festa religiosa e civile in suo onore. Prima di questo, però, si sono recati in pellegrinaggio a Monte Sant’Angelo sul Gargano, dove, per antica tradizione, si dice che ci sia stata la Grotta di San Michele e si sono fatti donare tre pietre che sono state benedette. La prima è stata incastonata nella statua che si trova nella grotta del monte Pizzone, la seconda in un’altra statua di San Michele che ora si trova nella chiesa di San Nicola Vescovo a Joffredo, mentre la terza è conservata nella chiesa di Santa Maria Della Valle. Venerdì 29 settembre, giornata in cui si celebra San Michele, a partire dalle ore 18,00, ci sarà la processione con l’immagine dell’arcangelo, guidata da don Giovani Panichella. Oltre alle celebrazioni religiose, venerdì e sabato a Ioffredo ci saranno stand gastronomici e intrattenimenti musicali. Due giorni di preghiere e di feste per rinsaldare un legame con la montagna che da sempre veglia su Cervinara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*