Cervinara (Av). Ripensare a Ioffredo

Ripensare a Ioffredo, non per nostalgia o inseguendo un’età dell’oro che non c’è mai stata. Ripensare a Ioffredo perché resta una ferita aperta nel corpo vivo di Cervinara ed è anche un luogo paradigmatico per tutto il Partenio, Su queste basi, presso la scuola elementare della frazione, nel tardo pomeriggio di ieri, si è svolto un interessante dibattito che ha dato il via a Nonsolorock. Per il terzo anno consecutivo, il festival musicale, organizzato da Enzo Cioffi, si svolge proprio nel luogo dove si verificò la frana del 1999, Un’ambientazione, altamente, simbolico che quest’anno è stata arricchito da un dibattito, coordinato da Maria Felicita Crisci, già assessore alla cultura della provincia di Benevento, Intorno ad un tavolo si sono seduti rappresentanti delle istituzioni ed esperti per ragionare su cosa può e deve essere la montagna, Innanzitutto, è essenziale la messa in sicurezza dei luoghi, e poi è necessario imprimere una grande svolta e fare in modo che i giovani possano tornare ad avvicinarsi ad essa, Non è il classico luogo comune affermare che la catena del Partenio offre grandissime possibilità di sviluppo, ma è materia che deve essere trattata con piglio scientifico ed ha bisogno di una pianificazione seria. I nostri monti sono protetti da un parco regionale che, sino ad ora, però, ha mostrato solo limitazioni e mai benefici, Ci si augura che il nuovo presidente della giunta regionale, De Luca, possa far ripartire questi organismi che sono tutti commissariati. Solo attraverso di essi, come succede in tante altre regioni, sarà possibile agganciare un sviluppo sostenibile. Non a caso, infatti, già si registrano tante iniziative sporadiche di molti giovani che, però, sono lasciate sole. Insomma, è necessario fare in modo che la montagna torni ad essere un punto di riferimento vero, solo così non sarà più un fatto nostalgico ripensare a Ioffredo,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*