Champions: Venezia batte Avellino.

La Sidigas Avellino cade a Venezia in una gara dal punteggio bassissimo, spreca un nuovo vantaggio in doppia cifra nel primo tempo e si fa rimontare passo dopo passo dall’Umana Venezia: i lagunari vincono contro la Scandone nella gara di andata degli ottavi di Basketball Champions League. Finale di 53-49 per la Reyer che trova maggiori risorse nella ripresa rispetto ad una Sidigas partita forte con il parziale di 12-18 al 10′, avanti in doppia cifra nella seconda frazione per poi beccare un break di 8-2 nel finale di primo tempo da viatico per la rimonta di Venezia. All’equilibrio tra le difficoltà palesi in attacco e per energia con il 18-15 del terzo periodo, corrisponde un’ultima frazione da 13-4. Avellino si spegne completamente negli ultimi dieci minuti di gioco e praticamente si salva sulla sirena finale perdendo solo di 4: un divario che lascia tutto aperto in ottica ritorno, fissato per mercoledì prossimo al PalaDelMauro. “Abbiamo giocato una buona partita per 32-33 minuti, sia in difesa che in attacco. Nell’ultimo quarto abbiamo riscontrato molti problemi a fare canestro, nonostante avessimo costruito anche dei buoni tiri. – ha spiegato in sala stampa il coach della Scandone, Stefano Sacripanti – Abbiamo cercato di muovere di più la palla, di passarla più spesso dentro a Fesenko, ma non siamo riusciti a correre e a prenderci dei tiri facili. Per come abbiamo giocato speravo di vincere la partita, ma l’ultimo periodo è stato fatale, abbiamo sbagliato troppo. La partita è stata persa di soli 4 punti, siamo a metà della sfida e cercheremo di recuperare ad Avellino”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.