Chiacchio: è difficile ma sono fiducioso.

Si è conclusa poco prima di mezzogiorno l’udienza davanti al collegio di garanzia del Coni che dovrà decidere in merito al ricorso presentato dall’Us Avellino contro la mancata iscrizione al campionato di Serie B. “Per certi versi sono triste, ha detto l’avv.Chiacchio al termine dell’udienza. Quando dicevo che venire in queste sedi comporta un massimo sforzo mi riferivo a questo. Ma sono comunque fiducioso. Il presidente Frattini ci ha dato ampia soddisfazione. Ci ha chiesto di focalizzarci su punti decisivi. Non possiamo pensare di essere esclusi dal mondo professionistico. Avellino non lo merita. L’unica cosa triste è vedere altre società che hanno depositato fideiussioni nulle non ricevere lo stesso trattamento. Mi riferisco a due società di B e a dieci di serie C. Dunque se l’Avellino dovesse essere escluso sarebbe davvero uno scempio sportivo. Questa disparità di trattamento non riguarderà il collegio di garanzia, che è un organo terzo. Quando io dicevo che non si doveva arrivare a questo punto mi riferivo alla presenza di grandi giuristi e di tutte le componenti contro. Io e miei colleghi abbiamo dato il massimo, rispondendo punto su punto, non tirandoci mai indietro, avendo sempre argomenti al riguardo. Non è stata lesionata alcuna energia per dare il massimo. Da soli a lottare contro tutte le componenti dello sport. Ognuno ha fatto il suo dovere. È difficile ma sono fiducioso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.