Coldiretti, ad agosto -62,1% precipitazioni, Italia a secco

siccità-300x167L’Italia è a secco dopo che nella prima decade di agosto sono cadute il 62,1% in meno di precipitazioni rispetto alla media e i temporali di questi ultimi giorni, se da un lato riempiono gli invasi, dall’altro se sono troppo violenti mettono in pericolo le coltivazioni in un momento stagionale delicato. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ucea, secondo cui sono stati avari di pioggia anche i mesi di luglio (-56%), giugno (-5%), maggio (-29%) e aprile (-43%), e le scorte idriche sono su livelli allarmanti. “L’estate calda e poco piovosa – rileva l’organizzazione agricola – ha provocato pesanti danni sulle colture a causa della siccità ma ha anche eroso le scorte idriche che sono su livelli allarmanti”. I grandi laghi, secondo il monitoraggio effettuato da Coldiretti, sono tutti ben al sotto le medie stagionali del periodo con la percentuale di riempimento che va dal 31,5% per quello Maggiore al 22,4% per il lago di Garda fino al 12,9% per il lago di Como e al 2,9% per il lago di Iseo dove il livello è ormai prossimo al minimo storico del periodo. Coldiretti pur commentando positivamente l’arrivo della pioggia di questi ultimi giorni “in una Italia a secco con fiumi e laghi svuotati soprattutto al centro nord dove si registra la situazione più critica”, ricorda però che “precipitazioni intense e con grandine, provocano danni altrettanto gravi alle colture in campo in questa fase”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*