Comune Benevento verso dissesto e Mastella nomina tre collaboratrici di staff

I gruppi consiliari “Pd” e “Del Vecchio Sindaco” hanno ritenuto doveroso consegnare alla stampa le seguenti riflessioni politiche in ordine alla recenti nomine in seno allo staff effettuate dal sindaco Clemente Mastella.
“Anno nuovo, vecchia solfa. Clemente Mastella non si smentisce neppure questa volta. Col chiaro intento di far passare la notizia sotto traccia, nel pieno delle festività natalizie, il sindaco ha nominato tre ragazze nel suo ufficio di staff con un compenso, ciascuna, di circa 1500 euro mensili. Nonostante i ripetuti tentativi di ripulirsi l’immagine di cercatore e distributore poltrone per sé e i suoi amici, in fin dei conti è sempre lo stesso: proprio non riesce a fare a meno di nomine e incarichi, è più forte di lui. Purtroppo Mastella ha sempre vissuto con questa prerogativa, ne ha fatto il suo credo politico e l’ha utilizzata sovente in passato per baratti e pressioni. Mastella dunque, non cambierà mai. Pur essendo consapevoli di tutti gli impegni assunti da lui stesso in campagna elettorale con quelli del cosiddetto cerchio magico, che oggi reclamano a gran voce un riconoscimento al sostegno offertogli, non riusciamo proprio a spiegarci il senso di una scelta simile. A cosa potranno mai servire due segretarie di staff esterne quando esiste già una segreteria interna prevista dalla dotazione organica per il primo cittadino? E come è possibile nominare portavoce quella stessa persona su cui Mastella non aveva esitato a scaricare la responsabilità della vignetta raffigurante una donna seminuda su un crocifisso e profondamente offensiva nei riguardi di un membro del governo comparsa sul profilo Facebook “Clemente Mastella Sindaco”? Non è che la ragazza in questione sia stata “costretta” ad addossarsi una colpa non sua in attesa di essere risarcita? Perché se così non fosse, allora vuol dire che il “caso Giorgione” ha soltanto rappresentato la scusa per eliminare dall’esecutivo un assessore scomodo, probabilmente non allineato e difficilmente gestibile. Ma la cosa che fa rabbrividire è il tempismo con cui Mastella ha proceduto all’investitura delle tre collaboratrici: a pochi giorni da quella che sarà la formalizzazione da parte del Consiglio della dichiarazione di dissesto, quel passivo che – a suo dire – complica anche la gestione ordinaria della cosa pubblica, il buon Clemente che fa? Si regala uno staff a spese della comunità che guadagnerà, sommando le spettanze delle tre componenti, molto in più di quello stipendio a cui lui stesso, riempiendosi la bocca di slogan pre e post-elettorali, sostiene di aver rinunciato! Nessun primo cittadino, fra tutti quelli che lo hanno preceduto, ha mai osato tanto! A questo punto, ammesso che non intervenga prima la Corte dei Conti, ci auguriamo solo che la scelta sia ricaduta su ragazze che in qualche modo abbiano un profilo professionale adeguato oltre che una situazione economico-lavorativa precaria. Ma tra borse firmate e abiti all’ultima moda, qualche dubbio sorge spontaneo…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*