Corruzione: Roberti, mai combattuta in Italia

“La corruzione è mai stata combattuta in Italia? Mai”: così il procuratore nazionale Antimafia Franco Roberti davanti alla Commissione Antimafia. “Il corruttore è sempre stato visto come un furbo, come l’evasore fiscale”. E ancora: “Come si fa a negare che le mafie siano elemento costitutivo della società da cui hanno avuto origine e poi si sono diramate?”. L’indagine su Mafia Roma, ha spiegato Roberti, dimostra come “la corruzione si è quasi sostituita all’intimidazione mafiosa, è diventata strumento di infiltrazione”. Nonostante la lotta senza quartiere “le organizzazioni mafiose sono forti” in tutto il mondo: come mai?”per la globalizzazione certamente – ha proseguito il procuratore nazionale Antimafia – ma anche per la vulnerabilità delle istituzioni e per effetto della disattenzione a quelli che sono gli elementi che concorrono alla crescita del potere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*