Da domani sciopero giudici pace, a rischio 150mila processi

Da domani sino al 22 dicembre i giudici di pace incrociano le braccia, uno sciopero che -secondo le organizzazioni rappresentative della categoria – provocherà il blocco di 150.000 processi. La protesta è per ottenere l’approvazione di un decreto legge che “sani le violazioni comunitarie ed internazionali contestate dalle più alte autorità europee” al governo italiano; e che dunque riconosca ai giudici di pace la continuità del servizio, la previdenza,l’assistenza sociale in caso di malattia, maternità o infortuni, le ferie e un compenso “dignitoso” che garantisca la loro indipendenza. Il Comitato Europeo dei Diritti Sociali del Consiglio d’Europa ha condannato l’Italia per violazione della Carta Sociale Europea – ricorda l’Unione nazionale dei giudici di pace, che domani terrà una conferenza stampa – e “la Commissione Europea, anche su sollecitazione del Parlamento Europeo, sta per avviare la procedura di infrazione contro l’Italia: sarebbero miliardi di euro di risarcimenti e sanzioni che graverebbero sul popolo italiano”. Già 300 giudici si sono rivolti al Tar del Lazio per chiedere la stabilizzazione e si prospettano “centinaia di azioni giudiziarie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*