D’Agostino: Foglia accusa gli altri di essere il vecchio, fa ridere pure i polli

“Noto che da un po’ di tempo a questa parte alcune delle esternazioni da campagna elettorale di Pietro Foglia si riferiscono alla mia persona, anche se l’ingegnere di Baiano manca sempre di fare nome e cognome. Un atteggiamento, questo, tipico di quei personaggi che, appartenendo alla vecchia politica, non riescono a parlare il linguaggio della chiarezza e della verità.” Così l’onorevole Angelo Antonio D’Agostino. “A Foglia voglio solo ricordare che di professione faccio l’imprenditore. E lo faccio da sempre, non da quando sono impegnato politicamente. Mai campato di incarichi politici, né di presidenze di enti che, chissà perché, sono andati in fallimento; tanto meno di progettazioni e direzioni di lavori in enti pubblici. A costui, che tra l’altro sottolinea il fatto che mi sono candidato per tornare a Montecitorio, faccio notare che io parlamentare lo sono già stato. E ogni caso, a differenza di altri, non vivo di indennità pubbliche.” “Sentire e vedere Foglia che si erge a paladino del nuovo suscita lo sconcerto di chi, conoscendolo, non capisce come non abbia il senso del ridicolo. E in definitiva – chiude D’Agostino – fa pure ridere l’intera provincia di Avellino, polli compresi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*