Deteneva a casa hashish, 23 enne denunciato.

Credeva che quella piccola quantità di droga spontaneamente consegnata ai militari allorquando gli indicavano il motivo perquisizione, potesse consentirgli di sottrarsi alle proprie responsabilità, ma non aveva fatto i conti con l’infallibile fiuto dei cani antidroga Ciro e Holly, giunti dal Nucleo Cinofili Carabinieri di Pontecagnano in ausilio ai militari della Stazione di Montoro Inferiore. È cosi che i Carabinieri hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo hashish, un 23enne del posto. I militari, a seguito di una corposa attività informativa, hanno individuato nell’abitazione del giovane un possibile obiettivo di interesse nella lotta a quella deplorevole piaga rappresentata dal traffico di stupefacenti, specialmente tra le fasce della popolazione giovanile. Quando i Carabinieri hanno bussato alla porta il giovane, resosi conto della scomoda presenza, tentava di convincere i militari operanti consegnando loro una modica quantità di hashish, arrivando financo a “sfidare” gli stessi a trovare sostanze di qualsivoglia natura nella sua abitazione come prova della sua “buona fede”. Ma i Carabinieri, non credendo alle parole del giovane decidevano comunque di procedere ad un più accurato controllo e, grazie proprio a quell’istinto operativo ed al naso di Ciro e Holly, scovavano all’interno della camera da letto del giovane, accuratamente occultato, svariati grammi della medesima sostanza stupefacente. Inoltre, nel corso della perquisizione, i Carabinieri rinvenivano diverso materiale potenzialmente idoneo al confezionamento di dosi verosimilmente destinate all’illecito mercato. Alla luce delle evidenze emerse, per il giovane scattava la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, in quanto ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 73 DPR 309/90 – Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Quanto illecitamente detenuto è stato sottoposto a sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*