Disoccupato di Avellino assolto dal reato di truffa

Una banale lite intercorsa parecchi anni fa con la moglie sarebbe potuta costare assai cara ad A.S., cinquantanovenne di Avellino. L’uomo, infatti, nell’anno 2012, dovendosi difendere in un procedimento penale instaurato contro di lui dalla ex moglie, fece domanda di ammissione al beneficio del gratuito patrocinio, dichiarando di rientrare nei limiti reddituali previsti dalla Legge. Successivi accertamenti svolti dalla Guardia di Finanza di Avellino permisero di constatare che in realtà, per l’anno d’imposta di riferimento, l’uomo ed il suo nucleo familiare avevano “sforato” di poche centinaia d’euro rispetto al limite massimo consentito. Ne nasceva, quindi, un nuovo procedimento penale a carico di A.S. per le false attestazioni rilasciate all’Autorità Giudiziaria al fine di ottenere la concessione del beneficio del gratuito patrocinio. Il cinquantanovenne, difeso dall’Avvocato Rolando Iorio, è stato mandato assolto dal Tribunale di Avellino, Presidente Dott.ssa Matarazzo. Il legale dell’imputato, infatti, carte alla mano ha dimostrato che lo sforamento di poche centinaia d’euro era dovuto ad una entrata assolutamente occasionale, derivante da un residuo di una indennità di disoccupazione, come tale percepita <>. Le argomentazioni prospettate, condivise in pieno dal Tribunale, hanno fatto si che l’imputato A.S. è stato mandato assolto “per particolare tenutià del fatto”. Il Pubblico Ministero aveva invece chiesto una condanna ad 8 mesi di reclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.