Ditelo a Retesei. Qualche domanda sulla valorizzazione della Castagna di Cervinara.

Sto seguendo il dibattito che si sta sviluppando sulla “Valorizzazione della Castagna di Cervinara e sulla necessità che ottenga l’IGP” e vorrei fare da semplice cittadino di Cervinara alcune considerazioni. Leggo che lo scorso anno la produzione di castagne a Cervinara è stata vicina allo zero per colpa del cinipide galligeno o mosca cinese. Allora vorrei farmi e farvi qualche semplice domanda: da dove sono arrivate lo scorso anno la castagne che poi sono state immesse sul mercato come “Castagne di Cervinara”? Se non erro lo scorso anno anche la Rai si è occupata della Castagna di Cervinara facendo addirittura una diretta nei giorni della Sagra per mettere in luce anche i prodotti delle aziende di trasformazione delle castagne. Quali castagne sono state pubblicizzate e quindi messe in commercio? E’ vero che anche quest’anno si stanno importando a 70 centesimi al chilo le castagne dall’estero che poi sul mercato arrivano come Castagne di Cervinara? Non è forse per questo che il prezzo al ritiro della castagna di Cervinara è sceso al di sotto di euro 1,50? Ho appreso che a Cervinara esiste un’Associazione dei Produttori di Castagna, sarebbe importante sapere da chi è formata quest’associazione e cosa sta facendo per valorizzare il prodotto nostrano. E visto che ci sono vorrei anche sapere che si dice dall’Associazione Il MASTIO, visto che si riempiono la bocca ogni anno di voler valorizzare la castagna, ma poi non appena gli stand della sagra chiudono, finiscono anche i buoni propositi. E non dovrebbe essere cosi!
Lettera firmata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*