Domani Audax Cervinara- Sorrento, la madre di tutte le partite.

E’ tutto pronto al “Canada” per la madre delle partite, Cervinara-Sorrento per i caudini vale una stagione. Una vittoria darebbe la quasi certezza di disputare i play off, e coronare in questo modo una stagione straordinaria, centrando l’obiettivo che la società che si era prefissato. Inutile dire che giocare di mercoledì rispetto alla domenica sarà certamente diverso, in una giornata feriale ci sono impegni che non consentono di essere presenti, anche se con il passare delle ore cresce l’attesa nel paese, e certamente il “canada” sarà bollente. Non è mistero che il Cervinara questa gara la voleva giocare dieci giorni fa come da calendario, il rinvio per il maltempo decisa dall’arbitro non è andato giù, la società si è fatta sentire in lega chiedendo garanzie. Un rinvio che ha favorito solo il Sorrento che oltre a non poter schierare Scarpa squalificato, aveva diversi calciatori diffidati che in caso di ammonizione non avrebbero potuto giocare nella gara vinta domenica scorsa contro la capolista Ebolitana. Una vittoria che ha aperto spiragli per i giochi al vertice, e anche per questo la partita è ancora più difficile per il Cervinara. Ma i biancoazzurri nonostante tutto sono sereni e tranquilli, la bella vittoria ottenuta sul campo della Palmese ha aumentato l’autostima, e poi tutto il gruppo vuole regalare ai suoi tifosi questi tanto desiderati play off. “Ci vuole un Cervinara perfetto, che disputi la partita della vita, senza timori riverenziali ma con applicazione e tranquillità dice Pasquale Ferraro. Questo è un grande gruppo, continua il tecnico cervinarese, che sa quello che vuole, basta guardarli in faccia per capire che non bisogna dire niente sanno bene cosa devono fare. Che partita giocheremo? Certo non scenderemo in campo per difenderci, farlo sarebbe una tattica suicida, perché loro con la loro forza e le grandi individualità che hanno prima o poi ti puniscono, invece li affronteremo con la convinzione che anche noi abbiamo delle carte da giocarci.” Parole quelle di Ferraro che fanno capire che il Cervinara tornerà al suo abituale 4-3-3, un modulo a specchio con gli avversari. E questo dovrebbe portare al rientro di Stefano Furno nel ruolo di esterno. Possibile il duello con il temibile Scarpa. Per il resto stessa formazione, l’altro esterno di difesa sarà Liguoro, i due centrali Pepe e Calabrese. A centrocampo Saginario, Fusco ed il giovane Parente. E poi i tre davanti, a partire da Russolillo che con i suoi affondi può spaccare la partita, per proseguire con Zerillo che con la sua generosità e intelligenza qualcosa alla fine certamente la tirerà fuori, per finire con Majella che nei momenti decisivi sa essere sempre presente. Non sarà facile per il Sorrento non sarà facile per Simone Cioffi, l’ex capitano del Cervinara ceduto a dicembre proprio ai costieri. Non vorremmo essere nei suoi panni per le sensazioni e le emozioni che lo attraverseranno, lui che è nato e cresciuto nel sodalizio biancoazzurro diventandone anni dopo anni la bandiera. Era molto attesa anche la designazione arbitrale, cambiata totalmente la terna di dieci giorni fa, arbitrerà William Villa di Rimini con gli assistenti Giuseppe Maiorino di Nocera Inferiore e Carmine Castiglione di Frattamaggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.