Domenica prossima Tappa 4 di Estate in Irpinia: tutti invitati

E’ già tutto pronto per domenica prossima, ovvero per la Tappa 4 di Estate in Irpinia 2016 con la riscoperta di Prata di Principato Ultra e Montemiletto. L’iniziativa di Info Irpinia che sta riscuotendo tantissima partecipazione, sta soprattutto centrando l’obiettivo di una nuova consapevolezza del territorio, non visto più come sconosciuto e senza speranza da parte degli Irpini stessi, ma al contrario ricco di bellezza, orgoglio e prospettiva. Questa riscoperta non si confina soltanto agli abitanti del posto, ma anche ai tantissimi partecipanti venuti da tutta la Campania ed oltre, che trovano nell’Irpinia un luogo incantevole ed emozionante.
La tappa 4 inizierà dalla riscoperta di Prata, piccolo borgo sulla splendida Valle del Sabato, con l’appuntamento di ritrovo alle ore 10 in Piazza Freda. Si visiterà il Palazzo Baronale e la straordinaria Basilica dell’Annunziata, ma non solo: insieme all’associazione Calendula, risorsa encomiabile del paese, si scopriranno tante altre meraviglie nascoste, arrivando fin sulle sponde del fiume Sabato. Lì vi sarà l’incontro con Salvatore Picariello, presidente di Ambiente e Salute, il quale porterà una testimonianza di tutte le schifezze che vengono permesse in quell’area ed in quel fiume, danneggiando gravemente l’ambiente e la prospettiva per il nostro territorio. Si perché Estate in Irpinia non è semplicemente riscoperta ma anche conoscenza e lotta in difesa della nostra terra.
Il pranzo sarà come sempre a base di prodotti tipici e convivialità perché la comunità si ricostruisce con gesti semplici e condivisione, preparato stesso dalle ragazze di Calendula.
Nel pomeriggio invece ci si sposterà a Montemiletto con appuntamento alle 16.30 in Piazza IV Novembre. Insieme alla Pro Loco del posto, la “Mons Militum”, bella realtà territoriale, si visiterà lo stupendo Castello della Leonessa che domina proprio la piazza e la Porta della Terra. Dopodiché si farà un tour del borgo entrando anche a Palazzo Fusco e visitando le Chiese di Santa Maria e di Sant’Anna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*