Don Ciotti,nessun contributo pubblico in gestione beni

don_luigi_ciotti“Per la gestione dei beni confiscati Libera non riceve contributi pubblici, le convenzioni vengono stipulate solo per lo svolgimento delle attività statutarie”. Così don Luigi Ciotti, fondatore di Libera contro le mafie, davanti alla Commissione parlamentare antimafia. “Tanto fango fa il gioco dei mafiosi”, ha aggiunto, anche riferendosi alle parole del Pm napoletano antimafia Maresca. E ancora: “Libera non riceve nessun bene, che viene dato ai comuni e da questi affidato alle cooperative”. “C’è un equivoco: qualcuno vuole attribuire a don Ciotti la capacità di concentrare beni e poteri economici. Non è assolutamente così: ci sono pochissime cose assegnate direttamente a Libera.Libera è un coordinamento di 1600 associazioni che opera con oltre 5 mila scuole e ha protocolli con 64 facoltà universitarie”. “L’antimafia non può essere una carta di identità che uno tira fuori a secondo delle circostanze, è un problema di coscienza”, ha aggiunto don Ciotti. “Le trappole dell’antimafia sono davanti agli occhi, mai come oggi. Si deve togliere anche questa parola Antimafia, rischiamo di essere travolti”, ha aggiunto, dopo aver ricordato gli allarmi lanciati da Libera sui rischi di infiltrazioni mafiose subito dopo la riapertura del “Caffè de Paris” a Roma nel 2011. “Quando abbiamo avuto elementi, siamo andati dai magistrati a consegnarli: se alcuni processi sono in atto è anche perché abbiamo fornito noi elementi per istruirli”, ha concluso, riferendosi anche alle critiche arrivate da alcuni ambienti che li hanno accusati “di non essere intervenuti per tempo e di aver taciuto sulla situazione a Roma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.