Dopo 30 anni si accorgono che il soppalco non è a norma!

Sigilli alla storica boutique Femme a via Tuoro Cappuccini. Il titolare della boutique mette in vetrina un manifesto per stigmatizzare l’iniziativa del Comune e annunciare il trasferimento in altra sede. La polizia urbana ha rilevato che il soppalco del negozio non è a norma: «E se ne accorgono dopo trenta anni e svariate autorizzazioni rilasciate nel tempo?». «Il titolare e i dipendenti ringraziano il Comune di Avellino per essersi accorto dopo 30 anni di attività, più volte autorizzata dallo stesso Ente, dell’illegittimità del soppalco, esistente ed immutato fin dalle origini, e preesistente dall’acquisto del locale, causando la definitiva cessazione dell’attività faticosamente condotta anche nell’attuale gravissima crisi economica». »L’amministrazione comunale in una fase di grande difficoltà ha deciso insomma di sostenere le attività delle imprese», dicono i titolari. In realtà il negozio aveva subito delle modifiche ma non aveva mai effettuato interventi al soppalco che fin dal primo giorno di apertura, che appunto risale a trenta anni fa, era sempre stato al suo posto. Mai c’erano stati rilievi da parte della polizia amministrativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*