Eccellenza girone B: il punto dopo prima giornata play off e play out.

Anche le finali play off e play out confermano le incertezze che hanno accompagnato l’intera campionato. Sugli scudi il Cervinara che con grande autorità sbanca il “Pastena” di Battipaglia e si accinge a far visita al Sorrento per una finale tutta da vivere e niente affatto scontata. Difficile trovare le parole per rendere merito ad una prestazione perfetta, ad una vittoria meritata, avvalorata dagli applausi dello sportivissimo pubblico di Battipaglia che hanno accompagnato i biancoazzurri all’uscita dal campo. Una stagione splendida che continua, con il sogno impensabile che potrebbe avverarsi, mancano gli ultimi novanta minuti. Diversi gli artefici di questo miracolo, ma uno su tutti va ricordato come il protagonista principe, il presidente Joe Ricci che con grandi sacrifici e quasi da solo sta riscrivendo dopo venti anni un’altra pagina di storia del Cervinara. Caparbio, disponibile, grande cuore, il primo ultras della squadra, Ricci merita la riconoscenza di tutti i cervinaresi. Lo aveva detto esattamente un anno fa si festeggiava la promozione in Eccellenza che il Cervinara non sarebbe stato un comprimario nel massimo campionato regionale, è stato di parola, su una squadra già forte ha aggiunto tasselli importanti per dargli quello spessore di esperienza e qualità, elementi che hanno fatto apprezzare il Cervinara su tutti i campi. Ora c’è il Sorrento, si gioca ancora in trasferta al campo “Italia” domenica prossima e come ha detto il bomber Alessio Befi il Cervinara è pronto per finire di scrivere la sua pagina di storia. Ci sia augura che per questa partita non accada quando visto con la Battipagliese, con i tifosi biancoazzurri costretti a soffrire da casa davanti ai teleschermi. Chi di dovere deve fare di tutto per garantire quella che sarà certamente una bella giornata di sport. Il Sorrento dal canto suo ha dovuto soffrire più del dovuto per vincere la strenua resistenza del Faiano, insieme al Cervinara l’altra rivelazione del campionato. A rimettere le cose a posto ci ha pensato il solito Enrico Marcucci ad un quarto d’ora dalla fine a pareggiare, poi nei supplementari il Sorrento ha dilagato grazie anche a tre espulsioni che hanno riguardato la squadra di Turco. Per la retrocessione si è fermata sul più bello la rincorsa del San Tommaso che perde addirittura in casa lo spareggio con il Sant’Agnello. Un vero peccato per la squadra di Ciaramella che la salvezza l’aveva ormai a portata di mano. Retrocede anche il Santa Maria Cilento, a festeggiare è il Castel San Giorgio che tra le muta amiche vince di misura sui cilentani e resta in Eccellenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.