Eccellenza girone B: il punto.

Quello che sembrava solo un’ipotesi qualche giornata fa ora entra concretamente tra le possibilità di conclusione del campionato. La sconfitta della capolista contro la Palmese, il pareggio dell’Agropoli a Solofra, gli altri pareggi, nello scontro diretto tra Castel San Giorgio e Nola e nel testa coda tra Costa D’Amalfi e Virtus Avellino, rimette in corsa per la vetta il Cervinara. I caudini non hanno giocato per il campo impraticabile, hanno fatto da spettatori nel turno infrasettimanale ed ora sono pronti a giocarsi tutte le carte per giocarsi fino in fondo la vetta. La matematica lo consente, ma a dare ulteriori possibilità ai biancazzurri è anche un calendario che si intreccia negli ultimi tre turni, in maniera tale da far diventare il tutto un vero e proprio rebus. I vantaggi del Cervinara in questa corsa finale non sono pochi, tre delle quattro gare che mancano li giocherà in casa, tra le mura amiche anche i due scontri diretti con Valdiano e Castel San Giorgio. Il Sorrento invece nonostante il vantaggio di cinque punti sull’Agropoli trema. La sconfitta di Palma Campania ha complicato tutto, ora ancora gara in trasferta a Valdiano, poi li big match in casa con l’Agropoli per finire con l’ultima trasferta sul campo della Virtus Avellino, tutte squadre che giocheranno alla morte, l’Agropoli per il primato le altre due per i play off. Non da meno complicato il calendario dell’Agropoli che oltre allo scontro diretto con la capolista deve affrontare la squadra più in forma e difficile del momento, la Palmese di Aldo Papa che dopo una risalita strepitosa è in lotta per un posto nei play off, Non meno facile l’ultima in casa con il Valdiano come detto in corsa per un posto al sole. Più agevole sembra, ma solo sulla carta, il camino del Nola che però deve affrontare tre squadre impelagate nella lotta salvezza: Battipagliese, Eclanese e Picciola. Duro anche il finale della Virtus Avellino, derby con il Solofra, Palmese e Sorrento. Insomma sarà un finale tutto da vivere. Analogamente in coda dove solo il Solofra sembra quasi salvo, le altre dovranno soffrire. A partire dalla sfortunata Eclanese che però deve recuperare anche la gara con il Faiano. Tutte hanno mosso la classifica anche se le posizioni del Faiano e della Battipagliese sembrano le più difficili. Sarà una lotta all’ultimo punto con Costa D’Amalfi e Picciola, mentre il San Vito Positano può respirare dopo la vittoria esterna contro l’Eclanese. Si torna in campo per i recuperi il 4 aprile, per il campionato, tutte le partite in contemporanea il 7 o 8 aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.