Elezioni Provincia di Avellino: sono 1934 gli elettori.

Sono 1394, i sindaci ed i consiglieri comunali che domani, mercoledì 31 di ottobre, sceglieranno il nuovo presidente ed i dodici consiglieri della provincia di Avellino. A Palazzo Caracciolo, sede della provincia, è tutto pronto. Le urne si apriranno alle ore 8,00, per chiudersi alle 20,00. Le operazioni di spoglio, nonostante, il giorno festivo prenderanno il via, alle ore 9,00 di giovedì primo di novembre. Se tutto va bene, nella tarda mattinata, si dovrebbe già conoscere il nome del nuovo presidente, mentre per i dodici consiglieri, si dovrà attendere il tardo pomeriggio. Si tratta, infatti, di due elezioni distinte e chi ha diritto al voto, domani, avrà due schede diverse, per esprimere il proprio volere. In entrambe le consultazione, per determinare il risultato, vale il voto ponderato. Sindaci e consiglieri dei comuni più grandi hanno un potenziale più forte rispetto a quelli dei piccoli paesi. Basti pensare che un solo voto di un consigliere comunale del comune capoluogo vale quanto quello dell’intero consiglio di un comune, al di sotto, dei tremila abitanti. Appare, quindi, scontato che chi, tra Michele Vignola e Domenico Biancardi, riesce ad ottenere il consenso dei cosiddetti grandi elettori, sarà il successore di Domenico Gambacorta. I due candidati,però, stanno cercando di non lasciare nulla al caso e non tralasciano il consenso dei rappresentanti dei comuni più piccoli. La posta in gioco, infatti, è molto alta. Chi sarà eletto presidente, per i prossimi quattro anni, sarà il padre- padrone della provincia di Avellino. Il presidente, infatti, è un organo monocratico e non può essere sfiduciato da nessuno. Il mandato si può interrompere anzitempo, solo per le sue dimissioni. Se anche, il vincitore non dovesse essere eletto sindaco alle elezioni comunali del suo paese, ma solo consigliere, continuerebbe ad essere il presidente della provincia. Un esempio, in tal senso, arriva da Benevento, con Claudio Ricci. In queste ore, quindi, fervono i contatti che continueranno anche per tutta la giornata di domani, sino a quando, l’ultimo consigliere comunale non si sarà recato alle urne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.