Elezioni: Valle Caudina divisa in due collegi.

Ora si tratterà solo di riscrivere i collegi. Dovrebbero essere quasi gli stessi del Matterellum, aggiornati all’ultimo censimento del 2011. Intanto, però, il dato è tratto. La nuova legge elettorale è stata approvata dalla commissione affari costituzionali della Camera ed oggi inizia il suo iter in aula. Subito dopo passerà al senato e , se non ci dovessero essere cambiamenti,una volta approvata, entrerà in vigore entro la fine del mese di giugno o, al massimo,ai primi di luglio. L’accordo tra partito democratico, movimento cinque stelle, forza Italia e Lega regge e, quindi, si dovrebbe tornare alle urne il prossimo 24 settembre, con la grande anomalia di una campagna elettorale da fare nel rovente mese di agosto. Ricordiamo che la legge elettorale sarà divisa tra maggioritario e proporzionale. Attenzione, però, se un candidato dovesse vincere nel collegio uninominale, ma il suo partito non dovesse superare la soglia del cinque per cento, non entrerebbe lo stesso in parlamento. Questa è una grande distinzione del sistema tedesco, in quanto in Germania, la soglia si mantiene, ma può essere superata se un partito vince almeno in tre collegi uninominali. Se i collegi dovessero restare quelli del Matterellum., le province di Avellino e Benevento sarebbero divise in quattro collegi, Due mezzo per l’Irpinia ed uno e mezzo per Benevento. Questo perchè il collegio di Ariano Irpino abbraccia anche buona parte del territorio sannita. Sempre se le cose dovessero restare così, la Valle Caudina sarebbe divisa in due collegi, da una parte i comuni sanniti che farebbero parte del collegio di Benevento città e dall’altra i quattro comuni irpini che farebbero parte del collegio numero 18 che raggruppa i comuni della fascia del Partenio a partire da Mercogliano e tutti quelli del Vallo Lauro Baianese, Ma, come già detto, i collegi dovranno essere aggiornati rispetto al censimento del 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*