Emergenza idrica, vertice in Prefettura.

prefetto sessaStamane vertice in Prefettura ad Avellino sull’emergenza idrica che ormai da mesi attanaglia la provincia irpina. Al summit voluto dal prefetto Carlo Sessa, tra i vari, erano anche presenti Lello De Stefano dell’Alto Calore Servizi, rappresentanti della Regione Campania, dell’Ato e della Prefettura di Benevento. In sostanza, ai portavoce di De Luca sono stati esposti gli ormai cronici problemi per quanto riguarda il comparto idrico di Avellino. “E’ un problema che seguiamo con grande attenzione – ha detto il Prefetto Sessa – in particolar modo per quella che è la situazione nella Valle dell’Irno e nei territori a confine col salernitano, gravati dall’emergenza idrica in seguito all’esplosione della vicenda del tetracloroetilene nella falda acquifera sottostante i comuni di Solofra e Montoro”. Per De Stefano, quello odierno è stato un incontro provvidenziale. “Viviamo una situazione di paradosso – ha detto – Diamo l’acqua alla Puglia e a Napoli per 8000 litri al secondo mentre i nostri Comuni soffrono per mancanza della risorsa idrica. Le nostre reti sono fatiscenti, così come gli impianti; tuttavia non ci sono fondi necessari a coprire queste criticità. Ecco perchè alla Regione Campania abbiamo chiesto che si rivedano gli accordi: dall’Abc abbiamo avuto un ristoro di 100 litri al secondo che sono serviti per la Valle Caudina, alla Puglia invece chiediamo un ristoro per almeno 400 litri al secondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*