Evasione fiscale: a Roma chiesto processo per Gigi D’Alessio

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di Gigi D’Alessio e di altre quattro persone per una presunta evasione fiscale di oltre un milione di euro. A sollecitare il processo per il cantante napoletano è stato il pm Francesco Saverio Musolino. Al centro della vicenda, fatti risalenti al 2010. Il reato contestato a D’Alessio e’ quello di occultamento o distruzione di documenti contabili riconducibili a una delle società incaricate di curare la sua immagine. Secondo l’accusa, tale attività di occultamento della documentazione contabile avrebbe consentito alla “Ggd Productions”, della quale il cantante è ritenuto “l’effettivo beneficiario economico del risparmio d’imposta” – è detto nel capo di imputazione – di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto. Una delle altre quattro persone coinvolte dovrà rispondere, in caso di rinvio a giudizio, di simulazione di reato per aver falsamente denunciato nel 2014 il furto di un’auto all’interno della quale si sarebbero trovati documenti contabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*