Fca: Landini, settore auto si prepari al cambiamento

Nei prossimi anni il settore automobilistico è chiamato ad affrontare un cambio tecnologico molto profondo, che riguarda sia i motori elettrici che quelli ibridi. Rimanere solo sui motori diesel significa rischiare di non avere futuro”. Lo ha detto Maurizio Landini, della segreteria nazionale Cgil, incontrando i lavoratori della Fca di Pratola Serra (Avellino). L’incontro è stato sollecitato dalla Fiom di Avellino che ha espresso preoccupazione per le scelte strategiche del gruppo guidato da Sergio Marchionne, che considererebbero gli stabilimenti italiani meno centrali all’interno delle complessive strategie industriali. Attualmente sono 1.800 i dipendenti dello stabilimento alle porte di Avellino che produce motori diesel, interessato da 6 giorni al mese di cassa integrazione. “E’ molto importante – ha sottolineato Landini – che domani mattina, per la prima volta, sia stato convocato un incontro al Mise proprio per discutere del settore auto e del settore della componentistica. E’ venuto il momento – ha aggiunto l’ex leader della Fiom – che la questione, oltre ad essere discussa con il gruppo e con l’azienda, deve coinvolgere anche il governo, come del resto sta avvenendo in tutti gli altri paesi industrializzati del mondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.