Frana sulla vecchia Ofantina Ex SS 400 nei pressi dello svincolo di Chiusano San Domenico.

A seguito della frana che ha investito la vecchia Ofantina ex SS.400 nei pressi dello svincolo di Chiusano San Domenico, l’Ente Provincia da lunedì 25 c.m. nelle ore successive all’evento è intervenuta con uomini e mezzi per liberare la strada in oggetto dal materiale che aveva invaso la sede, per permettere agli automobilisti in difficoltà di potersi allontanare dal luogo.
Nel prosieguo, a seguito di quanto espresso verbalmente dai Vigili del Fuoco intervenuti e confermato successivamente dalla nota inviata, la Provincia ha provveduto ad interdire il transito nei due sensi di marcia. I lavori sono continuati con impresa esterna incaricata, e sono allo stato ancora in corso per liberare ulteriormente le parti pericolanti e per il ripristino di un canale nelle pertinenze della strada per evitare l’arrivo di ulteriore materiale proveniente dal costone. A seguito  di ulteriore verbale dei Vigili del Fuoco, la Provincia provvederà alla riapertura parziale dell’arteria consentendo il traffico su una sola carreggiata in doppio senso di marcia immediatamente dopo l’eliminazione da parte del Comune di Chiusano San Domenico, del pericolo relativo ad alcuni massi in precario equilibrio giacenti sul costone interessato dalla frana. L’Ente di Palazzo Caracciolo eseguendo quanto contenuto nella nota del Comando Vigili del Fuoco, provvederà a proteggere la carreggiata con apposite opere da eventuali colate di nuovo materiale. Pertanto, il vice presidente Domenico Palumbo che sostituisce in questi giorni il Presidente Gambacorta, ha disposto ai competenti uffici di accelerare al massimo gli interventi per la pubblica e privata incolumità, con l’impegno di rendere fruibile il transito veicolare su una sola corsia in doppio senso di marcia evitando disagi alle popolazioni e alle attività della zona, stimando l’apertura entro il 5 agosto c.a.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*