Franco Iovino presidente del Parco Regionale del Partenio.

Finisce il commissariamento per il Parco Regionale del Partenio. La giunta regionale, ha provveduto a nominare, dopo anni, un presidente. Si tratta di Franco Iovino di Avella. Dovrebbe essere un’ottima notizia, avere una guida e non un commissario, potrebbe preludere ad un rilancio di un qualcosa di grande importanza, di cui, però, i cittadini, sino ad ora, hanno saggiato solo i limiti. Ma il neo presidente, come il commissario che lo ha preceduto, si troverà ad operare senza avere niente. Esiste solo la sede di Summonte, il parco regionale del Partenio, tra l’altro il più grande della Campania che comprende ben quattro province, solo Salerno ne è fuori, esiste solo sulla carta. E’ il parco più grande, con scenari mozzafiato al suo interno, eppure,non esiste una struttura, non ci sono dipendenti ed ancora non è chiara, completamente, la sua mission. Certo, innanzitutto, deve salvaguardare l’ambiente ma, come in altre realtà, dove questi luoghi protetti sono qualcosa di reale e funzionante, dovrebbe anche guidare una sorta di sviluppo sostenibile del territorio. Così era stato pensato e creato. Del resto, basta guardare solo un poco la conformazione geografica per capire che stiamo parlando di un polmone verde che sorge a ridosso dell’area metropolitana più importante ma anche la più congestionata del mezzogiorno. Questo per dire che il decollo della struttura non dovrebbe interessare solo gli abitanti del Partenio ma quelli di tutta la Campania. Ripetiamo, la nomina del presidente è un primo passo, ma l’ente è un contenitore che ora deve essere riempito di contenuti. Senza contare che devono essere affrontate, immediatamente, delle inutili sovrapposizioni. Oltre al Parco, il Partenio ha anche una comunità montana, questa può contare pure su dipendenti. Sarebbe il caso di decidere quali dei due enti dovrebbe andare soppresso, ma, al momento, nessuno dei due è nel pieno della propria funzionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.