Gal Taburno riunito in Ati con Gal Fortore.

“Una nuova sinergia con gli Enti locali, con la realtà pubblica e quella privata, in un nuovo contesto di area vasta costituito dal Gal Taburno riunito in ATI (Associazione Temporanea di Imprese) con il Gal Fortore per rendere più competitivi i rispettivi territori”. Così Raffaele Amore (Cia), eletto presidente del Consiglio di Amministrazione del Gal Taburno insieme a Alfonso Del Basso (Cia); Francesco Sossi (Coldiretti), Rocco Messere (), Rodolfo Simone (Cna), Carmine Valentino (sindaco di Sant’Agata de’ Goti) e Antonio Coletta (sindaco di Paupisi).
“Nel ringraziare chi mi ha preceduto – prosegue Amore – per l’impegno e le azioni avviate, in particolare il CdA uscente con il presidente Mario Grasso, voglio ricordare l’occasione imperdibile che il Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 ci sta offrendo. Lo sviluppo del territorio, per questa premessa, diventa centrale nella governance del nuovo Gal che deve qualificarsi come agenzia di sviluppo e cabina di regia al fine di coordinare e integrare tra loro i fondi che l’Europa stanzia per il Mezzogiorno. Solo mediante un’alleanza qualificata e sinergica tra i componenti dell’Ati, guidati dal Gal Taburno, si potrà investire su una politica di rigenerazione economica in uno dei territori a vocazione agricola più importanti delle Campania. Cinquanta comuni dalla Valle Caudina al Fortore, dalla Vitulanese alla Telesina fino alle colline beneventane che vogliono interagire in una visione d’insieme esaminando i problemi, ragionando sulle proprie potenzialità e prendendo in mano il destino delle loro popolazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*