Io da ” grande” vorrei essere proprio come mio padre!!!

Mio padre è una persona fantastica..ha vissuto degli anni duri,un dopo guerra fatto di sacrifici e rinunce.Si è rimboccato le maniche e ha cominciato a lavorare molto presto.La scuola all’epoca era un lusso per pochi e per aiutare in casa ( primo di 4 figli) ha fatto di tutto, qualsiasi lavoretto,fino a quando ha trovato un lavoro “fisso”come operaio nell’Ansaldo.Con un piccolo ciclomotore percorreva tutti i giorni 60 km per andare a lavoro e 60 km per tornare a casa.Un uomo d’acciaio, di grande intelligenza, che non ha mai perso interesse per quello che lo circondava.Nonostante non abbia avuto la possibilità di diventare nessuno e di studiare, ha arricchito la sua cultura con esperienza e sfruttando la sua curiosità verso il mondo.Lo reputo una persona di grande cultura, grandi idee e con una mente molto aperta. Nove anni fa ha perso mia madre, la donna che lo accompagnava da 31 anni.Inseparabili, come tante coppie di una certa generazione, la generazione a cui non bastava un litigio per buttare un matrimonio in malora, quelle coppie che risolvevano i problemi unendosi di più e non separandosi! Da quel momento ho imparato a vedere mio padre come una persona ” umana”, non era solo un uomo d’acciaio..era un uomo che soffriva e lo faceva con grande dignità. Oggi combatte con un mostro più grande di lui, un mostro che oggi giorno è il male del secolo.Lo vedo, vedo i suoi occhi, sento la sua voce e riesco a sentire tanto coraggio!Quel coraggio siamo noi, figli e nipoti. A volte cerco di non vedere..ma è palese che è stanco, stanco fisicamente e spiritualmente. Le terapie sono uno stillicidio, ci sono stati momenti che ho pensato che non ce l’avrebbe fatta, ma poi, ogni volta si è aggrappato a quel poco di forza che gli rimaneva, quella forza che gli viene dal coraggio…Noi!!
Questa è la storia che purtroppo riguarda molte e molte persone oggi. Quando queste storie ti toccano dal vivo, non puoi rimanerne indifferente e cominci a vedere il mondo, la vita, in maniera diversa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*