Il Benevento piu’ forte anche delle polemiche.

Il Benevento ora deve fare attenzione a non cadere nella trappola delle polemiche sollevate ad arte dopo il 6 a 0 rifilato alla Casertana. Già nelle settimane precedenti erano state diverse le insinuazioni di vario tipo fatte da addetti ai lavori e non, sul girone meridionale. L’obiettivo ovviamente è stato centrato e chi voleva trasformare l’entusiasmante corsa al primato di questa stagione in una polemica inutile e sterile. Il riferimento è alle parole del presidente della Casertana, Corvino, che nel post partita prima ha accusato il proprio allenatore di subire le ingerenze esterne nella scelta degli undici da mandare in campo, e poi ha fatto salire sul banco degli imputati tre suo calciatori, evitando di nominarli e che a suo dire avrebbero fatto giocare il Benevento in 14. Accuse molto gravi che hanno scatenato le immancabili reazioni delle dirette concorrenti del Benevento nella corsa alla serie B. Non solo a Caserta, ma anche a Lecce e Foggia hanno usato le dichiarazioni del numero uno rossoblu’ per gettare ombre sul campionato dei giallorossi sanniti. In casa Benevento la risposta alle illazioni di Corvino è arrivata dal diesse Salvatore Di Somma, che ha bollato le parole del presidente dei rossoblu’ come parole tipiche di un uomo prestato al calcio. Comunque nessuno riuscirà ad intaccare la solidità del gruppo che mister Auteri e lo stesso Di Somma sono riusciti a mettere insieme. Da parte loro i giocatori tirano avanti per la loro strada e continuano a viaggiare con il vento in poppa ma senza lasciarsi andare a facili illusioni. Tutti sono consapevoli che il campionato è ancora lungo e che di qui alla fine gli avversari contro il Benevento raddoppieranno le forze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*