Il comandante della Legione Carabinieri “Campania” di Napoli in visita a Benevento.

Il Generale di Brigata Maurizio STEFANIZZI, da qualche giorno insediatosi al vertice del Comando della Legione Carabinieri “Campania” di Napoli, ha fatto visita alla Caserma dei Carabinieri di via Meomartini, ove è stato accolto dal Comandante Provinciale, Col. Alessandro Puel. Presenti alla visita gli Ufficiali ed i militari della sede, i Comandanti delle dipendenti 4 Compagnie, alcuni militari in forza alle Stazioni ed ai Reparti speciali ed una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Nel corso della riunione il Comandante, nell’esprimere il suo apprezzamento per il quotidiano impegno profuso da tutti i Carabinieri del Comando Provinciale sull’intero territorio sannita a tutela della legalità, ha sottolineato l’importanza della conoscenza e del controllo del territorio, richiamando la funzione sociale quotidianamente svolta dall’Arma, con particolare riferimento al ruolo delle Stazioni Carabinieri, da sempre considerate dai cittadini sicuro punto di riferimento anche delle più lontane e distaccate comunità a presidio ed a tutela della legalità delle Istituzioni, caposaldo della presenza dello Stato sul territorio e sempre pronte a recepire le richieste della gente. Nel breve incontro, il Generale Maurizio Stefanizzi, ha evidenziato ed individuato, infatti, tra le principali priorità, quella che l’Arma dei Carabinieri deve continuare a essere al servizio dei cittadini. Successivamente il comandante della Legione si è intrattenuto con tutti gli Ufficiali con i quali ha analizzato, in dettaglio, le principali problematiche dell’ordine e della sicurezza pubblica della provincia. La visita del Generale si è conclusa con gli incontri Istituzionali presso il palazzo di Giustizia, con il Presidente del Tribunale, dott.ssa Marilisa Rinaldi ed il Procuratore della Repubblica, dott. Aldo Policastro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.