Il Gruppo Adler vuole investire in Irpinia.

Dopo Airola, il gruppo Adler ha intenzione di investire anche in Irpinia. Lo annuncia il presidente della multinazionale Paolo Scudieri, il quale sottolinea che si è deciso di puntare su un borgo delle aree interne per lo sviluppo delle cosiddette auto 4.0. Non è stato fatto il nome, ma è stato solo rivelato che si tratta di uno di quei paesi, purtroppo tanti, in provincia di Avellino che si stanno spopolando. L’obiettivo è dargli una nuova vita, trasformandolo in un centro futuristico, dove si viaggerà su smart car che attraversano smart road. Per forza di cose, infatti, la sperimentazione delle auto intelligenti, per intenderci quelle che si guidano da sole, deve essere fatta in luoghi piccoli che possono essere trasformati facilmente. Un’auto intelligente, infatti, per funzionare ha bisogno di una rete adeguata intorno ad essa. Trasformare un piccolo borgo, quindi, è molto meno costoso che agire in un contesto diverso come può essere una città medio – piccola. Il gruppo Adler non è da solo in questa sperimentazione può contare su partner prestigiosi come l’Università Federico secondo di Napoli che metterà a disposizioni i suoi migliori ricercatori, varie aziende che stanno disegnando il futuro e, naturalmente, al progetto è molto interessata Confindustria Avellino. La trasformazione del borgo in una sorta di smart city apre a prospettive molto interessanti anche per l’economia locale. Il territorio verrà dotato di quelle infrastrutture immateriali che stanno facendo la fortuna di diverse realtà. Senza contare che, probabilmente, è l’unica idea messa in campo, dopo tanti anni, per cercare di frenare quella immigrazione giovanile che sta strangolando i paesi dell’Appennino meridionale. In una sorta di smart city, infatti, i ragazzi formati potranno trovare tutto ciò che a loro serve per costruirsi un futuro decente. Lo sviluppo non sarà immediato ma, certamente, il gruppo Scudieri non investe denaro senza avere delle solide basi di riuscita in un progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*