Il Vaso di Assteas è tornato a Montesarchio.

vaso-di-asteasOra bisognerà organizzare solo le visite. Cosa, non particolarmente,complicata in quanto la macchina è stata già rodata la settimana scorsa. Il vaso di Assteas è tornato a Montesarchio. In tutta sicurezza, ed in segreto, come è giusto che sia, è stato collocato nella splendida torre che si trova attigua al castello, sede del museo nazionale del Sannio Caudino. Il Ratto d’Europa, dopo il ritorno a Montesarchio, è stato esposto, in concomitanza con l’Expo, al palazzo reale di Milano, ottenendo, come sempre, un grande successo. Stiamo parlando del vaso attico, considerato il più bello al mondo, il quale, però, ha trovato una collocazione stabile proprio presso il museo di Montesarchio, ma viene richiesto per esposizioni in tutto il mondo. La scommessa sarà quella di farlo restare in Valle Caudina il maggior tempo possibile, proprio per farlo diventare un attrattore per il museo e per l’intero turismo culturale del territorio. Proprio di questo si parlerà domani mattina nel corso di un incontro che il sindaco di Montesarchio, Franco Damiano, la delegata alla cultura, Alfonsina Dello Iacovo, avranno con la dottoressa Elena La Forgia, nuova responsabile del museo del Sannio Caudino. La funzionaria subentra a Luigina Tomay, che ha di fatto lanciato il museo ed ora ha avuto un incarico di prestigio, quale archeologa responsabile dell’area di Paestum e Salerno. Anche lei, però, sarà presente a questo incontro, al termine del quale si saprà quando sarà possibile riaprire al pubblico la torre per tornare ad ammirare il cratere attico più bello al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.