Impianto di compostaggio di Sassinoro.

Il Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci ha ricevuto stamani il Sindaco di Sassinoro, Pasqualino Cusano, il Presidente della Comunità Montana Alto Tammaro, Antonio Di Maria, e il Consigliere provinciale Giuseppe Bozzuto. Al centro del colloquio la progettata realizzazione di un sito di compostaggio presso un capannone industriale in territorio di Sassinoro. Com’è noto, sulla questione la Provincia di Benevento si è già espressa negativamente in sede di Conferenza di Servizi: nonostante ciò, è stata concessa una autorizzazione regionale che viene fermamente contestata da tutte le Istituzioni locali. L’incontro odierno, cui erano presenti anche il Segretario generale, Franco Nardone, e il legale rappresentante della Provincia, Giuseppe Marsicano, è stato utile per individuare le strategie più opportune sia di ordine politico-amministrativo che legale per contrastare la realizzazione dell’impianto costituente, a giudizio dei rappresentanti istituzionali, un pericolo per l’ambiente (il fiume Tammaro che alimenta la diga di Campolattaro scorre a pochissima distanza). Peraltro, hanno fatto osservare tutti i partecipanti alla riunione, l’impianto di compostaggio privato di Sassinoro verrebbe realizzato ad una decina di chilometri di distanza da quello pubblico presso lo Stir di Casalduni, autorizzato e finanziato già da tempo dalla Regione Campania e la cui costruzione resta di competenza proprio della Provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*