In Italia aumenta il numero di morti per incidenti sul lavoro. La nota di Franco Petraglia.

Sento un forte magone dentro per i 568 morti sui luoghi di lavoro dal 1° gennaio al 9 ottobre 2018. Lo scorso anno in Italia le vittime accertate sono state 617. I dati sono allarmanti e ho l’impressione che il più delle volte queste notizie passino inosservate. Il ministero del Lavoro deve interessarsi maggiormente a questi incidenti mortali, una vera piaga sociale. Urgono controlli più severi e costanti per evitare le tragedie. La sicurezza deve avere un ruolo predominante. Le istituzioni, in un Paese civile e democratico, non possono fare orecchie da mercante di fronte ad un problema così serio. La vita di tanti poveri e onesti lavoratori va sempre e ovunque tutelata. Prevalga, se non altro, la coscienza umana .Leggo con rammarico che l’Italia detiene il record europeo di morti sul lavoro. Ricordiamoci dell’aforisma di Ippocrate, che affermò assennatamente 2.500 anni fa:” Melius prevenire quam lenire”(Prevenire è meglio che curare).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.