In manette Antonio Zeoli di 32 anni per porto abusivo di armi e violenza privata.

La scorsa notte i Carabinieri di Colle Sannita e del Nucleo Radiomobile della Compagnia di San Bartolomeo in Galdo, hanno arrestato Antonio Zeoli di 31 anni per aver esploso due colpi di arma da fuoco nei confronti di un coetaneo. I Carabinieri grazie alle testimonianze hanno immediatamente ricostruito la dinamica e le motivazioni del gesto. L’uomo, che procedeva in auto su una strada interpoderale, con i fari abbaglianti accesi, veniva infastidito da un altro utente della strada per avergli lampeggiato con l’intento di far abbassare i fari lunghi. A questo punto Antonio Zeoli estraeva una pistola, poi rivelatasi a salve e priva del tappo rosso, e apriva il fuoco in direzione dell’altro veicolo. E’ stato a questo punto che la vittima ha chiamato il 112 e grazie al pronto intervento dei militari dell’Arma che si è risaliti all’autore del gesto e lo si è riuscito a trarre in arresto.
Il soggetto, una vecchia conoscenza dei Carabinieri, sul quale già da tempo si concentrava l’attenzione dei militari per l’esuberanza manifestata in più occasioni nel piccolo centro, oltre l’arma deteneva anche una roncola da boscaiolo sul sedile del conducente, è stato tradotto presso il proprio domicilio agli arresti domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.