Incendi strutture parchi eolici: 5 arresti

Tentata estorsione e incendi nei parchi eolici: cinque arresti. Stamane a Scampitella, Orta Nova, in provincia di Foggia, e Pescara i Carabinieri di Sant’Angelo dei Lombrdi, insieme a quelli di Pescara e Foggia, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare di custodia in carcere per cinque persone per i reati di “concorso in tentata estorsione aggravata, danneggiamento seguito da incendio e dnneggiamento”. L’attività investigativa, iniziata nel maggio 2017, ha consentito di accertare l’esistenza di un gruppo criminoso che, dopo aver provocato gravi danni alle turbine eoliche, avanzava poi richieste estorsive ai vertici dei gestori delle relative società operanti in Alta Irpinia, minacciando ulteriori attentati. Un’azione che aveva destato molta preoccupazione tra la popolazione locale e le autorità locali, m anche a livello nazionale, con l’interessamento di organismi di rilievo nazionale. Le indagini, portate vanti dai carabinieri di Sant’Angelo dei Lombardi, sono state condotte con appostamenti, osservazione, monitoraggio con telecamere e mezzi tecnici ed intercettazioni telefoniche ed ambientali. In particolare sono stati messi in stretto collegamento due attentati, a Bisaccia e Lacedonia, che hanno interessato la stessa società. Nel primo caso è stato danneggiato un trasformatore con una catena di ferro, nell’altro caso invece è stata danneggiata una pala eolica con un incendio. I particolari dell’operazione dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa tenuta dal procuratore della Repubblica di Avellino Rosario Cantelmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.