Inchiesta Gosaf: chiesto rinvio a giudizio per indagati.

Chiesto il rinvio a giudizio per le persone coinvolte nell’indagine della Procura della Repubblica di Benevento sulle attività della Gosaf, la società di riscossione dei tributi che, dopo aver operato in oltre cinquanta comuni italiani, dall’ottobre del 2014, dopo essere stata sequestrata, è guidata da un commissario giudiziario. Dovranno presentarsi dinanzi al giudice dell’udienza preliminare, ad ottobre, Vincenzo Piccoli, 83 anni, di Sant’Agata dei Goti, presidente del Cda della Gosaf; Anna Maria Guadagno, 62 anni, di Paolisi, responsabile dell’area economica finanziaria del Comune di Paolisi; Domenico Principe, 66 anni, consigliere comunale a Paolisi; Carmine Montella, 55 anni, responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Paolisi; Laura Gabriele, 34 anni, di Isola Liri, responsabile del servizio tesoreria della Gosaf; Giuseppe Rossetti, 49 anni, di Piedimonte Matese, dirigente e membro del Cda della Gosaf; Raffaele Grimaldi, 54 anni, di Napoli, ragioniere generale della Provincia di Napoli; Claudio Marchese, 58 anni, di Napoli, responsabile dell’ufficio tributi della Provincia di Napoli; Salvatore Nacarlo, 63 anni, di Ascea, ragioniere capo del Comune di Portici; Salvatore Pollastro, 55 anni, di Sant’Agata dei Goti, dipendente del Comune di Sant’Agata dei Goti, comandato presso la Regione Campania per il gruppo Popolari Udeur; Massimo Magnante, 49 anni, di Ferentino, responsabile dei servizi finanziari del Comune di Anagni. Le accuse contestate a vario titolo vanno dal peculato al falso ed all’abuso d’ufficio. Nel mirino dei militari della polizia tributaria, le somme che la Gosaf avrebbe incassato e non versato ai Comuni di Portici e Anagni e, nel caso di Paolisi, denaro che la società non avrebbe potuto utilizzare perchè quei fondi assegnati al Comune erano vincolati. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Marcello D’Auria, Paolo Abbate, Pasquale Matera, Sergio Clemente, Paolo Piccialli, Carmelita Romano, Alfonso Stile, Sara Petella, Alfonso Furgiuele, Francesco Trinchera, Vincenzo Maiello, Vittorio Fucci, Gennaro Iannotti e Vincenzo Galasso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*