Inchiesta Napoli: Ciarambino,mozione sfiducia contro De Luca

E’ stata già consegnata nelle caselle mail dei consiglieri regionali della Campania una mozione di sfiducia nei confronti del governatore Vincenzo De Luca. “Chiediamo con forza le sue dimissioni – afferma Valeria Ciarambino, consigliere M5S – La nostra mozione è stata inviata a tutti, chi non firmerà è colluso con questo sistema, un sistema gravissimo e si assumerà la responsabilità di non averlo fatto”. Affinché, infatti, la mozione possa approdare in aula ed essere discussa, sono necessarie le firme di almeno un quinto dei membri del Consiglio regionale. “Siamo contemporaneamente qui davanti alla sede della Regione – sottolinea – e al Comune di Salerno affinché le annunciate dimissioni del figlio Roberto, coinvolto nell’indagine sullo smaltimento dei rifiuti, non siano solo una sceneggiata”. “Non si può consentire a questo presidente di liquidare il tutto con una battuta, eludendo domande fondamentali – sottolinea – Il figlio Roberto perché trattava per conto della Regione lo smaltimento di lotti di ecoballe tra l’altro con un ex camorrista camuffato da pseudo imprenditore?”. Le responsabilità di De Luca “sono nella nomina dei vertici di Sma Campania, partecipata regionale, oggi coinvolti nell’inchiesta”. “Ci sono dei video che mostrano come queste persone trattano con un ex camorrista per un affidamento diretto per lo smaltimento di rifiuti, una richiesta che riguarda tutto il sistema politico della Campania – aggiunge – gli unici che non c’entrano niente siamo noi del Movimento 5 Stelle”. “Se dovessimo attenerci al minimo sindacale, questa vicenda dimostra che non c’è controllo perché le istituzioni della Regione Campania sono permeabili a fenomeni corruttivi – conclude – Quello era un agente provocatore, ma avrebbe potuto essere un vero camorrista che si proponeva smaltire illecitamente i rifiuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.