Industria Italiana Autobus: dopo l’incontro con il vice premier Luigi Di Maio, sbloccato il pagamento degli stipendi.

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, il segretario nazionale Fiom, Michele De Palma, il segretario generale Fiom Avellino, Giuseppe Morsa, e la rsa Fiom, Italia D’Acierno, incontrano il vice premier Lugi Di Maio in visita oggi a Caivano. «Con una delegazione delle lavoratrici e dei lavoratori di Industria Italiana Autobus di Flumeri – dicono – abbiamo incontro il vice premier e Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, il quale ha annunciato che da domani l’azienda provvederà al pagamento degli stipendi». «La Fiom e la Cgil hanno ribadito la preoccupazione per la ricapitalizzazione dell’azienda ed il rischio chiusura dell’attuale proprietà, rimarcando ancora una volta la necessità di partecipazioni pubbliche con Leonardo e Invitalia. Per garantire un futuro occupazionale ai dipendenti dei due stabilimenti di Bologna e di Flumeri ci batteremo per la produzione in Italia di autobus ecologici e sicuri». «Il Ministro ha dato la sua disponibilità a fissare un incontro nella giornata di domani, come richiesto dalla Fiom, per avere chiarezza definitiva sugli assetti societari». «Il nostro impegno e la nostra battaglia continua: continua la mobilitazione e l’organizzazione del presidio fissato per mercoledì, quando si terrà l’assemblea dei soci di Industria Italiana Autobus. Siamo ad un passo dall’obiettivo ma i rischi sono ancora altissimi».In riferimento alle vicende locali, Fiordellisi aggiunge: «La recente ordinanza di blocco del traffico veicolare ad Avellina, ma anche in altre parti d’Italia, per gli sforamenti dei limiti consentiti di Pm10 nell’aria, sollecita ancora di più il cambio e l’ammodernamento del parco autobus e la messa in sicurezza dell’esistente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.