Innovazione: a Benevento tecnologie e-distribuzione

Benevento protagonista dell’innovazione tecnologica di e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce oltre 1 milione di chilometri di reti elettriche di Media e Bassa tensione: questa mattina, alla presenza del sindaco Clemente Mastella e di Alfonso Bonavita, Dirigente UOD Energia – Dipartimento Programmazione e Sviluppo Economico Regione Campania, e Mario Ferraro, Vicepresidente Confindustria Benevento e Presidente Ance, i responsabili dell’azienda energetica Gino Celentano (Macro area Centro) e Carlo Spigarolo (Campania) hanno presentato una nuova applicazione tecnologica per un trasformatore da Alta a Media tensione, già installato presso la cabina primaria di Benevento Nord per la prima sperimentazione a livello nazionale. Le cabine Primarie sono snodi fondamentali per la rete elettrica, perché ricevono energia in Alta Tensione e la trasformano in Media Tensione per permetterne poi la distribuzione sul territorio. L’innovativa soluzione introdotta a Benevento si basa sull’utilizzo di quello che, secondo la terminologia tecnica del settore, è un “trasformatore AT/MT con doppio secondario”: una definizione che può suonare complicata, ma che in termini di servizio si traduce in benefici per circa 20.000 clienti, che potranno usufruire di un’erogazione di energia più continua e meno soggetta a disturbi transitori, come buchi di tensione o microinterruzioni. L’energia, trasformata da Alta a Media tensione, verrà trasferita alla rete elettrica attraverso due circuiti distinti completamente indipendenti, in modo che eventuali fenomeni su una parte dell’impianto non abbiano alcuna conseguenza per la clientela servita dal circuito non interessato. Un’innovazione che interesserà in particolar modo le utenze industriali e le attività servite dalla cabina, particolarmente sensibili ai fenomeni transitori. “La sperimentazione che abbiamo introdotto a Benevento è un altro importante passo per la realizzazione di una rete sempre più smart e attenta alle esigenze dei clienti, adottando soluzioni di sviluppo ispirate a principi di innovazione e sostenibilità e con l’impiego di un prototipo interamente progettato e realizzato da un’azienda italiana – ha commentato Gino Celentano – Responsabile Macro Area Centro e-distribuzione – Non è un caso che la sperimentazione parta da qui: abbiamo scelto una cabina che serve un’area a vocazione industriale, con oltre 50 clienti serviti in Media Tensione, che potranno apprezzare i benefici delle nuove tecnologie”. “Siamo orgogliosi ed onorati che sia proprio la città di Benevento a fare da apripista a questo interessante progetto che apporterà notevoli benefici e vantaggi alle aziende locali. – ha commentato il Sindaco di Benevento Clemente Mastella – L’iniziativa Enel sottolinea e fortifica la vocazione alla sperimentazione e l’impegno di questa Amministrazione nei confronti di un asset che rappresenta sempre di più un biglietto da visita in grado di qualificare un sistema territoriale: ecco perché, in una logica di sviluppo, è proprio dai principi di innovazione e sostenibilità che intendiamo ripartire”. “L’impianto e le tecnologie presentate oggi sono in linea con la programmazione in tema di distribuzione energetica della Regione Campania – ha detto Alfonso Bonavita, Dirigente UOD Energia – Dipartimento Programmazione e Sviluppo Economico Regione Campania – Generazione distribuita per favorire lo sviluppo delle rinnovabili e qualità del servizio per migliorare la competitività del territorio sono obiettivi del Piano Energetico Regionale in via di adozione e sui quali si fonderà la politica energetica regionale”. La sperimentazione si inserisce nell’ampio programma che e-distribuzione porta avanti su tutto il territorio per il miglioramento della qualità del servizio, attraverso una rete all’avanguardia, dotata di tecnologie evolute che garantisce qualità e affidabilità della fornitura di energia. Dopo il test pilota di Benevento, e-distribuzione prevede l’installazione del nuovo trasformatore in ulteriori cabine su tutto il territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*