Irpinia e Sannio si confermano “renziane”.

Non è affatto una sorpresa, quello di scoprire il Sannio e l’irpinia, completamente renziane. E’ quanto emerge dalle assemblee territoriali che si sono tenute anche in provincia di Avellino e Benevento, nello scorso fine settimana. Nel corso di questo appuntamento, gli iscritti si sono espressi su i tre candidai ed hanno eletto i trecento delegati alle assemblee provinciali che si insedieranno già mercoledì prossimo. Il risultato non è definitivo, nel senso che, Matteo Renzi per tornare al Nazareno da numero uno deve vincere anche le primarie che saranno aperte, ossia, potranno votare anche i non iscritti e si terranno domenica 30 di aprile. Intanto, però, i dati sono sempre più favorevoli all’ex presidente del consiglio. A Benevento, ad esempio, Renzi ha ottenuto il 77 per cento dei voti, Orlando il 16 ed Emiliano solo il 7. Ancora più forte le percentuali ad Avellino, dove, l’ex premier supera l’86 per cento, il ministro della giustizia si attesta al 10 per cento e il presidente della Puglia si ferma al 4. Numeri che fanno capire una cosa molto importante, ossia, che non c’è stata competizione all’interno di questa sfida. I risultati della sfida erano stati già scritti e sembra proprio che il congresso sia stato voluto solo per fare in modo che Renzi potesse conquistare prima il partito e poi palazzo Chigi. La prima cosa gli riuscirà in modo agevole, tornare al governo, invece, dovrebbe risultare molto ma molto più difficile. I sondaggi, oramai, danno il movimento Cinque Stelle in sempre più rapida ascesa. E, certamente, il partito democratico non li contrasta con questi congressi falsi. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.