La Cisl istituisce il numero verde contro il caporalato.

Due settimane fa, in una intervista alla nostra emittente, il segretario regionale della Fai Cisl, Raffaele Tangredi, lanciò la campagna Sos Caporalato.Una mobilitazione straordinaria per contrastare un fenomeno, sempre più preoccupante, che coinvolge gli italiani come gli stranieri. Si parla, oramai da tempo, di nuovi schiavi che non hanno alcuna tutela e sono costretti ad accettare la misera paga, imposta anche da una sorta di cartello che condiziona il lavoro agricolo. Meno di trenta euro al giorno per dodici ore di lavoro ininterrotto, turni massacranti che favoriscano anche gli infortuni. La Cisl ha anche istituito un numero verde per eventuali segnalazioni, da raccogliere in modo anonimo, che, in poco più di 15 giorni, ha raccolto oltre 500 denunce. La stragrande maggioranza arriva dai dalle province di Salerno e Caserta, dove ci sono vaste estensioni agricole. Attenzione, però, decine di segnalazioni arrivano anche dalle province di Avellino e Benevento. Un fenomeno meno accentuato ma solo perchè parliamo di estensioni agricole molto più piccole. E,sempre secondo queste segnalazioni, per quanto riguarda gli italiani, nella maggior parte dei casi, si tratta di donne. Sono le donne ad essere usate in questa sorta di catena di sfruttamento che deve essere stroncata ad ogni costo. La Cisl raccoglie le denunce e le gira alle forze dell’ordine. In ogni provincia si dovrà costituire una sorta di task force, coordinata dalla prefettura. Tutto questo in attesa che da parte governativa vengano varati strumenti seri per il contrasto a questo fenomeno che si fa sempre più preoccupante. Dietro al caporalato c’è la criminalità organizzata che organizza le squadre di lavoro ed impone i prezzi di mercato. E’ un fenomeno sempre più subdolo che va combattuto con ogni mezzo, chi volesse segnalare qualche caso del genere, può, tranquillamente, chiamare al 800.199.100. La denuncia viene raccolta e inoltrata a chi di dovere e chi chiama mantiene il più stretto anonimato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.