La drammaticità della fame nel mondo rimane un’emergenza. La nota di Franco Petraglia.

Contrariamente alle numerose affermazioni di principio-dichiarazioni d’intenti fatte nel tempo da parte dei Paesi ricchi del pianeta, la fame continua a rappresentare una quotidiana emergenza mondiale. La conferma di quanto sopra ci viene data anche dai recenti rapporti del World Food Program (Agenzia dell’ONU), che stima in 800 milioni circa le persone che nel mondo soffrono di malnutrizione. Le nazioni più colpite sono: Etiopia, Eritrea, Congo, Angola, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Guinea, Burundi ed altri Stati africani. Questa “brutta bestia” uccide ogni anno, nel mondo, circa 3 milioni di bambini. A lanciare l’allarme è il nuovo rapporto di “ Save The Children.” E’ una vergogna! Noi “lottiamo” ogni giorno contro le malattie causate dall’iperalimentazione, mentre ci sono nel globo interi popoli che vengono costantemente morsi dalla fame. Basta con interventi propagandistici e dalle connotazioni quasi esclusivamente assistenzialistiche e pietistiche. E’ necessario che questi Paesi sfortunati, che tendono la mano per chiedere l’elemosina, si affranchino completamente dalle dipendenze economiche e politiche verso gli Stati più opulenti: più giustizia sociale, più uguaglianza, più pace, più benessere materiale! Solo se riusciamo ad offrire ossigeno vero a questi nostri fratelli disperati , possiamo dire di aver lavorato per la civiltà e il progresso di tutta l’umanità. Parole sante quelle di Papa Bergoglio nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione che si è celebrata presso la FAO di Roma il 16 ottobre scorso:” La fame non è una malattia incurabile”. E qui amo riportare anche altre tre citazioni: “I poveri non possono aspettare”(San Giovanni Paolo II);”Non capisco perché, se do da mangiare ai poveri mi chiamano santo, se chiedo perché i poveri non hanno da mangiare mi chiamano comunista”(Dom Hèlder Pessoa Camara, compianto Arcivescovo cattolico e teologo brasiliano) ; “Il sazio non crede al digiuno”(la buonanima di mia madre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*