La Suprema Corte di Cassazione assolve Pisaniello Antonio.

cassazione-agenzialegaleLa Suprema Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso presentato dall’ avv. Francesco Perone, ha annullato la sentenza di condanna alla pena di giorni 25 di arresto ed euro 12.500 di ammenda comminata a Pisaniello Antonio dal Tribunale di Avellino e confermata in secondo grado dalla Corte di Appello di Napoli. Pisaniello Antonio era accusato di aver realizzato, in assenza del permesso di costruire, un fabbricato su due livelli nel comune di San Martino Valle Caudina, ed in considerazione della condanna riportata nel primo e nel secondo grado di giudizio, avrebbe anche dovuto procedere alla integrale demolizione del manufatto abusivo. I Supremi Giudici hanno, invece, condiviso le censure mosse dall’Avv. Perone in sede di ricorso, aventi ad oggetto una serie di irregolarità formali compiute in sede di accertamento dell’illecito con particolare riferimento alla titolarità della proprietà dell’immobile abusivamente realizzato, annullando, così, anche l’ordine di demolizione del fabbricato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*